“LE FORESTE PRECEDONO LA CIVILIZZAZIONE

E I DESERTI LA SEGUONO„

CHATEAUBRIAND

Via Delle Industrie, 6/B
I-31047 Ponte di Piave (TV)
ITALY

Tel +39 0422.852.300
Fax +39 0422.853.444

e-mail: info@pal.it
www.imalpal.com
Co-finanziato dai progetti della Comunità Europea Codice progetto LIFE13 ENV/IT/000185
© 2018 Pal srl
P.IVA IT02100550264
Privacy policy

Titolo progetto:
Un nuovo ed efficiente processo di smistamento di ELV post-triturazione per affrontare e superare gli obiettivi imposti come direttiva sugli ELV

Obiettivi del progetto:
Ogni anno i veicoli alla fine del loro ciclo di vita (ELVs) generano in Europa tra i 8 e i 9 milioni di tonnellate di rifiuti che dovrebbero essere gestiti correttamente. Nel 1997 la Commissione Europea adottò una Proposta di direttiva per rendere lo smontaggio del veicolo e il riciclaggio più eco-compatibile, impostando chiari obiettivi quantificati di reimpiego, riciclaggio e recupero dei veicoli e dei loro componenti.
La direttiva, inoltre, spinge i produttori alla fabbricazione di nuovi veicoli ai fini della loro riciclabilità. Questa legislazione è stata ufficialmente adottata nel 2000 come la direttiva 2000/53/EC - “la direttiva sui veicoli fuori uso” e ulteriormente aggiornata nella DECISIONE DELLA COMMISSIONE 2005/293/EC recante la modalità per il monitoraggio del riutilizzo/recupero e riutilizzo/riciclo. La direttiva fissa l’obiettivo di riciclaggio all’85% e l’obiettivo di recupero al 95% rispettivamente.

Partendo dall’avanguardia del processo di demolizione delle macchine di GDE, gli obiettivi PRINCIPALI di LIFE CARWASTE sono:

A) Impostare e dimostrare la fattibilità di un impianto pilota in grado di separare finemente i rifiuti auto attualmente posti in discarica (circa 15%) per recuperarlo e riciclarlo ulteriormente, arrivando e addirittura superando gli obiettivi 2015 per il riciclaggio (85%) e il recupero (95%) fissato dalla DECISIONE DELLA COMMISSIONE 2005/293/CE.

B) Dimostrare la fattibilità economica e il riciclaggio e promuovere il riciclaggio del FLUFF (come combustibile conforme alla DIRETTIVA 2008/98/CE SUI RIFIUTI e 2010/75/EU sulle EMISSIONI INDUSTRIALI) in cemento e stabilimenti siderurgici..

C) Dimostrare la sostenibilità socio-economica e ambientale, le potenzialità di replicazione neo mercato e penetrazione dell’impianto pilota proposto.